info

E’ stata costituita l’unione associativa dei Comandanti di corpo, e Responsabili di Servizio, di

Polizia Locale, denominato UNIONE di COMANDANTI, denominata Unione e contraddistinta

dall’acronimo di UNICO.

I dati salienti sono LA GRATUITÀ DELL’ISCRIZIONE ed i requisiti che sono tali da impedire

l’iscrizione a chi proviene dalle forze dell’ordine, salvo il caso del servizio di leva.

BASTA CON POLIZIOTTI, CARABINIERI E FINANZIERI CHE PRENDONO I NOSTRI POSTI!

L’Associazione non ha scopo di lucro e si propone di:

tutelare la figura, la professionalità, il prestigio e l’immagine dei Comandanti del Corpo/

Responsabili di servizio della polizia locale attraverso azioni quali:

- portare le tesi e le istanze della categoria nelle sedi istituzionali, con particolare

riferimento e priorità alla figura del Comandante/Responsabile di Corpo/Servizio

della polizia locale quale datore di lavoro e mirando a differenziarla dalle altre

figure dirigenziali o apicali, nonché dagli altri ufficiali che non rivestano un ruolo di

comando in posizione apicale del Corpo/Servizio;

- partecipare alla produzione normativa nelle materie di competenza della polizia

locale mediante presentazione di proposte di legge, nazionali e regionali, di

regolamenti nonché esprimendo il proprio parere in ordine a disegni di legge e

di regolamenti o a circolari e direttive emanate dagli organi competenti, anche

promuovendo quesiti giuridici ai competenti organismi quali ministeri, enti pubblici e

quanti titolati ad adottare circolari;

- Tutelare nelle competenti sedi, l’immagine ed il prestigio, sia dell’intera categoria

che dei singoli Comandanti/Responsabili di Corpo/servizio;

- organizzare e gestire formazione, aggiornamento e specializzazione dei

Comandanti/Responsabili di servizio della polizia locale, con estensione eventuale

a tutti gli operatori della polizia locale, attraverso iniziative gestite autonomamente

con il contributo dei soci, o per il tramite, parzialmente o totalmente, di altri idonei

soggetti pubblici o privati;

- organizzare e gestire formazione per i concorsi per l’accesso alle posizioni di

Comandanti/Responsabili di servizio della polizia locale, anche per il tramite di altri

enti pubblici o privati;

- promuovere la sicurezza urbana, stradale e degli scambi commerciali nonché la

tutela dell’ambiente -anche mediante studi e ricerche effettuate direttamente o

affidate, parzialmente o totalmente, ad altri enti pubblici o privati- sia attraverso i

propri soci che con la collaborazione di esperti nelle singole materie;

- promuovere l’offerta di servizi di consulenza ai soci, anche mediante la stipulazione

di convezioni con consulenti e professionisti esterni in favore dei soci, anche per il

tramite di altri enti pubblici o privati;

- organizzare eventi, manifestazioni, incontri o meeting relativi alle finalità da essa

perseguite anche per il tramite di altri enti pubblici o privati;

- svolgere o promuovere attività didattiche od editoriali, anche per il tramite di altri enti

pubblici o privati;

- sostenere iniziative, di terzi, che rispondano agli scopi sociali anche mediante la

concessione del proprio patrocinio.

Possono essere soci ordinari:

a. I Comandanti e Responsabili di servizio della Polizia locale che abbiano i seguenti requisiti:

- vincitori di concorso per posto da Comandante/Responsabile di servizio;

- vincitore di selezione per progressione verticale, con almeno 3 anni di anzianità in

Corpo/servizio di polizia locale;

- incarico a contratto ex articolo 110 del d.lgs. 267/2000, con almeno 3 anni di

anzianità in Corpo /Servizio di polizia locale;

- non possono essere ammessi come soci coloro che hanno prestato servizio, eccetto

di leva, nelle forze dell’ordine o nell’esercito, salvo che l’Amministrazione da cui

dipendono consenta, per reciprocità, la mobilità in ingresso degli ufficiali dirigenti

appartenenti alla polizia locale;

b. Coloro che, provenienti dalla polizia locale, hanno ricoperto la figura di Comandante/

Responsabile di servizio per almeno tre anni e siano stati destinati ad altro incarico

Comandante/Responsabile.

La qualifica di Socio Ordinario si acquista con l’iscrizione all’Associazione.

Le domande di iscrizione dovranno pervenire, senza particolari formalità, all’Associazione o

direttamente al Presidente, anche via fax o posta elettronica.

L’iscrizione resta subordinata all’ accettazione della domanda presentata dagli aspiranti soci;

l’eventuale accettazione della domanda di iscrizione sarà inviata all’aspirante socio, senza

particolari formalità, anche a mezzo fax o posta elettronica.

L’iscrizione è impegnativa per un anno ed è rinnovata automaticamente di anno in anno, salvo che

non intervenga recesso per iscritto da parte del socio.

L’iscrizione è gratuita.

Iii) i Soci Straordinari

Possono essere soci straordinari:

a. I Comandanti/responsabili della polizia locale in quiescenza;

b. Tutti coloro che possano dare lustro e prestigio all’Associazione e con la loro attività ne

sostengano le finalità.

L’iscrizione è gratuita.

Art. 5 – Organi

Sono Organi dell’Associazione:

a. l’Assemblea Generale degli Associati;

b. il Presidente.

Art. 6 - Assemblea Generale degli Associati

L’Assemblea Generale degli Associati, principale organo dell’Associazione, viene convocata

almeno una volta l’anno in sede ordinaria.

Sono di competenza dell’Assemblea Generale degli Associati su proposta del Presidente:

a. Modifiche allo Statuto;

b. Elezioni dei successori del primo Presidente;

c. Approvazione e modifiche di eventuali regolamenti associativi;

d. Fissazione e modifiche dell’importo della eventuale quota associativa;

e. Approvazione del Bilancio;

Art. 7 - Presidente

Il Presidente:

a. Rappresenta legalmente, con ogni capacità giuridica, l’Associazione in ogni sede;

b. dà concreta attuazione alle finalità dell’Associazione di cui al punto 2, agli indirizzi generali

dell’Associazione, anche scegliendo, a suo insindacabile giudizio, i soggetti interni o esterni

all’Associazione –pubblici o privati- la cui attività è strumentale al raggiungimento degli

obiettivi associativi;

c. Presiede l’Assemblea Generale degli Associati;

d. Propone i nominativi dei Soci Straordinari;

e. Propone all’Assemblea l’esclusione dei Soci dall’Associazione che pongano in essere

comportamenti contrari a quanto previsto dall’art. 4;

f. Nomina, se necessario, un Vice Presidente definendone i poteri;

g. È competente per tutto quanto non espressamente attribuito all’assemblea degli associati;

in particolare, per l’istituzione e la soppressione delle sezioni.

Il Presidente può delegare ad uno o più soci, per un determinato periodo, lo svolgimento di

determinati atti o categorie; analogamente può revocarli. Il presidente può inoltre avvalersi del

supporto tecnico, gratuito o retribuito, di esperti e consulenti ed istituire comitati di studio, d’onore e

simili, ed analisi nelle materie oggetto dell’attività sociale di cui all’articolo 2.

Il Presidente dura in carica 15 anni.

Tutte le cariche sono gratuite, salvo il rimborso delle spese documentate sostenute per ragioni

dell’ufficio ricoperto.

Art. 9 - Entrate - Patrimonio - Esercizio Finanziario

Il patrimonio dell’Associazione è costituito :

a. Dalle eventuali quote sociali.

b. Dai contributi versati dai soci, terzi, soggetti pubblici e privati;

c. Da ogni altra entrata che concorra ad incrementare i fondi sociali;

d. Da tutti i beni mobili ed immobili appartenenti all’Associazione stessa.

Gli eventuali utili risultanti dal bilancio approvato, gli avanzi di gestione, i fondi, le riserve o il

capitale, durante la vita dell’Associazione, non saranno distribuiti neppure indirettamente, salvo

che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge. In caso di perdita, questa sarà

reintegrata mediante sottoscrizione dei soci nelle forme e nei modi che saranno determinati di volta

in volta dall’Assemblea.

Copyright © 2013 La Multa 2.0 – Powered by Nuove Code